lucarelli

Dopo la sconfitta di ieri del Catania Calcio allo Stadio Angelo Massimino contro un grande Trapani, sull’occhio del ciclone sono finite le dichiarazioni non proprio piacevoli del mister degli etnei Cristiano Lucarelli.

La partita contro il Trapani avrebbe rappresentato per il Catania un grande passo avanti per ciò che concerne la promozione in serie B, ma la squadra non ha rispettato l’impegno come doveva.

Fanno scalpore, come detto sopra, le dichiarazioni a fine partita del mister Lucarelli, che attribuisce il calo di tono della squadra all’eccessivo pubblico sugli spalti, circa 19.000 per l’esattezza.

Affermare una cosa di questa è come dire che la nonna, cuoca per eccellenza, a causa dei troppi invitati a pranzo la domenica sbagghia a cucinari e fa mala cumpassa.

È come dire che un barman, a causa di tanta calca davanti a sé, sbagghia a fari cocktail o ‘mbinzinaru a causa di troppe macchine in attesa, non cia fa a mendiri a binzina.

Esempi se ne possono fare tanti, ma la morale della favola è che un professionista è tale se lo è sempre, in qualsiasi condizione, in qualsiasi circostanza.

 

A buon rendere

 

 

Leave a Comment

Cos’è la Liscìa Catanese?

Chi è Catanese sa benissimo cos’è la Liscìa e sa benissimo che è soltanto una prerogativa del Catanese.La Liscìa non è umorismo o cabaret, La Liscìa è naturalezza e spontaneità. E’ quel carattere insito nel Catanese che trova maggior espressione nelle situazioni più varie e talvolta tristi. La Liscìa è l’oro dei catanesi, è magia ed è il modo più efficace per sdrammatizzare, per far sorridere chi motivi per sorridere non ne ha, per dire la propria in modo ironico e divertente.